progressive
allflashgames.org
www.wakare-pro.com/
csvmb.org
csvmb.org
csvmb.org

50° Rapporto sulla situazione sociale del Paese/2016

Giunto alla 50a edizione, il Rapporto Censis interpreta i più significativi fenomeni socio-economici del Paese nella fase di debole ripresa che stiamo attraversando. Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come stiamo vivendo una «seconda era del sommerso», non più pre-industriale, ma post-terziario. Nel silenzioso andare del tempo, la società continua a funzionare nel quotidiano, a ruminare gli input esterni, a cicatrizzare le sue ferite. Ma, nel parallelo rintanamento chez soi di mondo politico e corpo sociale, emerge la crisi profonda delle istituzioni. Nella seconda parte, La società italiana al 2016, vengono affrontati i temi di maggiore interesse emersi nel corso dell'anno, che fanno emergere una Italia rentier che non investe sul futuro e che, nell'anno del primato degli irresistibili flussi, sperimenta insorgenti piattaforme di relazionalità, nonostante si sia rotta la cerniera tra élite e popolo. Nella terza e quarta parte si presentano le analisi per settori: la formazione, il lavoro e la rappresentanza, il welfare e la sanità, il territorio e le reti, i soggetti e i processi economici, i media e la comunicazione, la sicurezza e la cittadinanza. Guarda la registrazione integrale

Giornata internazionale del Volontariato: gli eventi italiani in un sito web

Lunedì 5 dicembre si celebra per la 31ma volta la ricorrenza indetta dall’Onu, che quantifica i volontari di tutto il mondo in “oltre un miliardo di persone, i migliori tra noi”. CSVnet lancia un contenitore online che per la prima volta raccoglie le iniziative organizzate in Italia. E avvia in parallelo la mappatura dei luoghi dedicati all’impegno sociale dai Comuni italiani 

Il CSV M&B sarà presente al Convegno #storiex365(giorni)

Il 5 dicembre 2016 si celebra per la trentunesima volta la Giornata internazionale del Volontariato. Istituita dall’Assemblea dell’Onu nel dicembre 1985, la Giornata ha lo scopo di “riconoscere e promuovere il lavoro, il tempo e le capacità dei volontari in tutto il mondo”, quantificati dallo United Nations Volunteers programme (Unv) in “oltre un miliardo di persone”.

I volontari sono “i migliori tra noi”, dice il coordinatore dell’Unv Richard Dictus nella nota in cui spiega il tema della Giornata di quest’anno, sintetizzato nello slogan #GlobalApplause – Give volunteers a hand (Applauso globale – Dai una mano ai volontari). L’obiettivo è incoraggiare il mondo a rivolgere un “meritato applauso” ai volontari attraverso i social media e il supporto alle celebrazioni che si svolgeranno in tutto il mondo.

Come ogni anno, anche in Italia sono stati organizzati diversi eventi per celebrare questa data. CSVnet ha voluto raccoglierli per la prima volta in un sito web: su www.giornatavolontariato.csvnet.it, divisi per regione e tipologia, compaiono le feste, i convegni e le manifestazioni più disparate che si svolgono sui territori, sia con la partecipazione dei CSV che ideati in proprio da organizzazioni del volontariato e del terzo settore e da enti pubblici. Si tratta ovviamente di un elenco non completo, che CSVnet invita tutti a integrare segnalando eventi attraverso un semplice modulo online.

Il sito intende porsi come un contenitore, da sviluppare nel tempo, per valorizzare la Giornata e la sua funzione catalizzatrice delle iniziative di promozione del volontariato. Per questo, uno degli sviluppi già programmati è la realizzazione di una mappatura dei luoghi dedicati al volontariato dai Comuni italiani: vie, piazze, giardini, parchi, sale, edifici ecc., intitolati a una o più persone, ad associazioni, ad eventi significativi o genericamente alle varie forme di impegno sociale.

Con questo sito web – afferma il presidente di CSVnet Stefano Tabòintendiamo portare all’attenzione comune una parte importante delle iniziative che animano i nostri territori. Esso resterà uno spazio permanente in cui rendere visibili i momenti di incontro e di riflessione attorno alla Giornata indetta dalle Nazioni Unite: una ricorrenza che deve ricordarci perennemente come l’impegno dei volontari italiani è parte di un grande movimento mondiale che condivide i medesimi valori”.

 

Buon Compleanno Fondazione Cariplo!

Quest'anno Fondazione Cariplo compie 25 anni. Per celebrare questo importante traguardo, venerdì 16 dicembre presso Base Milano e Cariplo Factory faranno una grande festa: un evento gratuito e aperto a tutti, fino a notte fonda, con musica, animazione, teatro e la partecipazione di ospiti del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura. 

Sito modulo 4

Programma 16 dicembre 

  • ore 14-20: musica e animazione con Radio Italia 
  • ore 14,30-17: teatro e musica con le scuole di Progetto LAIV e ospiti, in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano
  • ore 17-20: Palco Aperto con ospiti d'eccezione 
  • ore 20-24: musica dal vivo con Sergio Sgrilli e dj-set di Radio Italia

Eventi a Milano (11-18 dicembre) 

  • 11-18 dicembre presso PALAZZO REALE: ingresso ridotto presentando la cartolina del compleanno che trovi a fondo pagina alla mostra Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco. 
  • 13 dicembre presso CARCERE DI S. VITTORE: quadrangolare di calcio a 5, seconda coppa "Pier Mario Vello",  Torneo riservato. 
  • 16 dicembre trek urbano con SENTIERI METROPOLITANI: percorso alla scoperta di alcuni luoghi di Milano che rappresentano l’impegno di Fondazione Cariplo per la città, accompagnati dal giornalista e scrittore Gianni Biondillo. Info e prenotazioni a breve su questo sito. 
  • 17-18 dicembre presso GALLERIE D’ITALIA: visite guidate gratuite alla mostra Bellotto e Canaletto: lo stupore e la luce. Prenotazione consigliata al numero 800.167619 o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gruppi di massimo 25 persone. Durata 75’.
  • 18 dicembre presso MUBA, Museo dei Bambini: laboratori per bambini e famiglie in collaborazione con la redazione di Topolino. Info e prenotazioni su www.muba.it

Segui l'evento sui canali social della Fondazione con l'hashtag: #Cariplo25 

Iscriviti all'evento su Facebook

Progetti sperimentali di volontariato: 2 milioni di euro a disposizione delle odv. C'è tempo fino al 7 dicembre

A pochi giorni dalla Direttiva 383 da 7 milioni di euro per le associazioni di promozione sociale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato l'Avviso n. 2 /2016 (adottato con decreto direttoriale) per la presentazione di progetti sperimentali e innovativi da parte delle organizzazioni di volontariato.

Le risorse finanziarie disponibili per quest’anno ammontano a 2 milioni di euro.
Una quota percentuale, fino ad un massimo del 25% delle disponibilità finanziarie, sarà destinata a progetti realizzati a favore delle popolazioni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpite dal terremoto del 24 agosto 2016.

I progetti possono essere presentati esclusivamente da organizzazioni di volontariato che, alla data dell’avviso, risultino legalmente costituite da almeno due anni e regolarmente iscritte ai registi regionali del volontariato di cui all’art.6 legge 11 agosto 1991, n. 266 e alle leggi e delibere regionali e provinciali attuative della predetta legge quadro.
Il requisito dell'iscrizione ai registri deve essere comprovato per l’intero periodo di realizzazione del progetto approvato, pena l’esclusione.
Anche per i progetti sperimentali delle organizzazioni di volontariato CSVnet ha realizzato la piattaforma informatica www.direttiva266.it, attraverso la quale le associazioni dovranno inviare le proprie domande di contributo corredate dal progetto descrittivo e dal relativo piano economico.
La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 15.00 di mercoledì 7 dicembre.

La piattaforma sarà on line dalle ore 12.00 di venerdì 18 novembre, in modo che le associazioni che richiedono il contributo per la prima volta possano registrarsi.
Da martedì 22 novembre, sempre alle 12.00, sarà possibile accedere alla piattaforma per inviare i progetti e gestirne, una volta approvati, l'iter e la rendicontazione.

Come ogni anno, i Centri di Servizio per il Volontariato sono a disposizione delle associazioni per fornire supporto durante l’intero processo, dalla compilazione della domanda on line alla rendicontazione dei progetti realizzati. Il testo della Direttiva, l'Avviso e i documenti necessari sono disponibili sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a questo link.
Le novità
• sarà possibile presentare iniziative e progetti contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura, in attuazione a quanto previsto dal Protocollo sperimentale "Cura – Legalità – Uscita dal ghetto" sottoscritto in data 27 maggio 2016;
• l'inserimento, nei criteri di valutazione, del rapporto quantitativo tra il personale retribuito coinvolto nel progetto e quello volontario e la rilevanza qualitativa dell'attività dei volontari coinvolti nelle attività del progetto;
• il costo complessivo dei singoli progetti è stato elevato ad euro 40 mila di cui il 10% sarà a carico dell'organizzazione di volontariato proponente;
• è stato innalzato a 60/100 il punteggio minimo che i progetti dovranno conseguire per risultare ammissibili al contributo (nei limiti delle risorse complessivamente disponibili).

Anche per il 2016:
• i progetti sperimentali e innovativi proposti potranno prevedere il coinvolgimento attivo dei soggetti che beneficiano di prestazioni di sostegno in attività di utilità sociale, in attuazione della misura sperimentale #diamociunamano;
• le organizzazioni di volontariato richiedenti il contributo avranno la possibilità di inserire come quota parte a loro carico (pari al 10% del costo complessivo del progetto) "la valorizzazione delle attività di volontariato", che non costituiscono un costo, ma la stima figurativa del corrispondente costo reale che può essere soggetta solo ed esclusivamente a valorizzazione relazionale di tipo quali-quantitativo.
Per informazioni o quesiti è possibile scrivere un’e-mail con oggetto “AVVISO N. 2/2016 QUESITO 266/1991” all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure chiamando il numero 06 4683.4046.4091.

Al via la rilevazione campionaria sulle istituzioni non profit

Prende oggi avvio la Rilevazione campionaria sulle istituzioni non profit, che ha cadenza biennale e coinvolge un campione di circa 40 mila istituzioni suddivise in diverse tipologie: associazioni culturali, sportive e ricreative, cooperative sociali, fondazioni, enti ecclesiastici, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, sindacati, istituzioni di studio e ricerca, di formazione, mutualistiche e sanitarie.

La realizzazione di indagini campionarie ad integrazione dei dati di fonte amministrativa risponde alla nuova strategia Istat nell'ambito della quale si avvia la prima edizione del Censimento permanente sulle Istituzioni non profit che produrrà, almeno ogni due anni, le informazioni statistiche storicamente fornite dai censimenti tradizionali.

L'obiettivo è quello di integrare le informazioni presenti nel Registro statistico delle istituzioni non profit e rilevare informazioni utili a cogliere aspetti peculiari e la dinamicità del settore.

Alle unità selezionate nel campione viene inviato il plico di rilevazione tramite posta o posta elettronica certificata. Le informazioni richieste sono riferite all'anno 2015 (al 31 dicembre 2015 nel caso di dati strutturali). Oltre che nel tradizionale formato su carta, il questionario può essere compilato on line sul sito della rilevazione. Quest'ultima modalità permette di risparmiare tempo – evitando di riconsegnare il questionario all'Ufficio territoriale Istat competente sul territorio – e riduce notevolmente il rischio di errori anche grazie alla possibilità di compilare il questionario in momenti diversi e di modificare i dati inseriti fino all'invio definitivo. Per agevolare il compito ai rispondenti, sul sito dedicato sono inoltre disponibili una Guida alla compilazione, contenuti multimediali e una sezione dedicata alle domande più frequenti (FAQ, Frequently Asked Questions). Nell'area Contatti sono invece indicati i riferimenti della sede territoriale Istat competente alla quale rivolgere ulteriori chiarimenti o richieste di supporto.

La Rilevazione si chiude il 10 marzo 2017. Come sempre, tutti i dati raccolti sono tutelati dal segreto d'ufficio e dal segreto statistico e non consentono l'identificazione di nessun soggetto.

Informazioni di maggior dettaglio sono disponibili sul sito della Rilevazione e su questo sito alla sezione Censimento permanente delle istituzioni non profit.

 

Chi è online

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online