progressive
allflashgames.org
www.wakare-pro.com/
csvmb.org
csvmb.org
csvmb.org

Prossimi Eventi

L'ATS di Monza e Brianza (ex ASL) incontra le associazioni del territorio

Martedì 4 ottobre dalle 15 alle 17 presso la sede CSV M&B in via A. Correggio 59, Monza

Il Consiglio di Direzione dell’Agenzia di Tutela della Salute di Monza e Brianza, con il supporto di CSV M&B, propone alle associazioni del territorio un incontro per presentarsi e per discutere insieme nuove modalità di collaborazione.

Sarà occasione per conoscere e interloquire con tutto il gruppo dirigente ATS (la Direzione strategica : Direttore Generale, Sanitario, Socio-sanitario e Amministrativo. I Direttori dei Dipartimenti: Amministrativo, Cure Primarie, Assistenza Socio sanitaria, Programmazione Acquisto e Controllo, Prevenzione Medica, Prevenzione Veterinaria; Distretti). 

La partecipazione è gratuita ed aperta a tutte le associazioni impegnate nell’ambito socio-sanitario o che comunque intercettano nella loro azione tematiche di pertinenza ATS. 

Il programma dell’incontro, in estrema sintesi:

Dalle 15 alle 15,30 presentazione dell’Agenzia e dei dirigenti

Dalle 15,30 alle 17 breve intervento di CSV M&B,  interventi da parte delle associazioni e risposte di ATS. 

Nota importante: per consentire a più associazioni di parlare (e all’Agenzia di rispondere), si chiede di contenere ogni intervento in 5 minuti massimo. Si chiede inoltre di essere molto sintetici sulla presentazione dell’associazione e di concentrarsi piuttosto su idee, proposte, ipotesi di collaborazioni possibili. L’incontro è aperto, ma le associazioni che desiderano intervenire devono prenotare il proprio intervento scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando il nominativo dell’organizzazione e, possibilmente, della persona che se ne farà portavoce. Gli interventi ammessi saranno non più di 10, quindi chi è interessato si affretti a prenotare.

Questa iniziativa è preparatoria all’istituzione di un tavolo permanente di interlocuzione con le associazioni, di cui la Dirigenza ATS ha preannunciato l’istituzione nell’incontro svoltosi a Lecco prima dell’estate.

Novità per gli enti che partecipano al riparto del 5 per mille

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 luglio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 185 del 9 agosto 2016, il legislatore interviene sul precedente DPCM 23 aprile 2010 introducendo importanti novità di prassi per gli enti che partecipano al riparto del 5 per mille. Questo atto segna un passo nella direzione di una semplificazione delle procedure.

La novità rilevante è che, a partire dall'edizione 2017 e con riferimento ai soggetti regolarmente iscritti nell’anno 2016, l'iscrizione al 5 per mille resta valida per gli anni a venire senza bisogno di ripetere la procedura. Vale lo stesso per l’adempimento dell’invio della Dichiarazione Sostitutiva, a meno che non cambi il Rappresentante Legale; in questo caso, sarà obbligatorio l'invio della nuova dichiarazione sostitutiva firmata dal nuovo Rappresentante Legale.

Gli enti si troveranno inseriti in un apposito elenco, pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 31 marzo di ciascun anno e di seguito opportunamente aggiornato. Eventuali errori riscontrati nell'elenco vanno segnalati entro il 20 maggio dell’anno corrente alla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate nel cui ambito territoriale si trova la sede legale dell'ente.

Gli enti di nuova costituzione dovranno iscriversi una sola volta al riparto del 5 per mille, seguendo le note procedure e tempistiche previste dalla normativa di riferimento: dopodiché, mantenendo ovviamente i requisiti, potranno usufruire del contributo per gli anni che seguono senza effettuare altre iscrizioni.

In caso di perdita dei requisiti, il Rappresentante Legale dell'ente sottoscrive e trasmette all'amministrazione competente, con le medesime modalità della Dichiarazione Sostitutiva, la revoca dell'iscrizione. Qualora il contributo sia stato indebitamente percepito in assenza di revoca si applicano le disposizioni di cui all'art.13 del DPCM 23 aprile 2010. Rispetto alla rendicontazione, le novità consistono in una serie di indicazioni e precisazioni normative indirizzate a una maggiore completezza e trasparenza.

Infine, l'amministrazione finanziaria sarà tenuta a pubblicare non solo come fino ad oggi gli elenchi dei beneficiari con gli importi da erogare, ma anche la data in cui è avvenuta l'erogazione; inoltre, dovrà pubblicare i rendiconti e le relazioni illustrative trasmessi dai beneficiari del contributo entro un mese dal ricevimento.

Corso di perfezionamento universitario con U. Bicocca e CSV M&B

"IDEAZIONE SCRITTURA E RENDICONTAZIONE DI PROGETTI SOCIO-EDUCATIVI"

                                          4 Novembre 2016 - 24 Giugno 2017

Giunto alla sua terza edizione, il corso organizzato dall'Università Milano Bicocca Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione Riccardo Massa in collaborazione con CSV M&B e il Centro Studi Riccardo Massa, apre le iscrizioni a partire dal 21 giugno fino al 26 settembre 2016.

I partecipanti saranno formati al ruolo professionale di progettista responsabile di progetti socio-educativi. Al termine del percorso gli studenti saranno in grado di selezionare le linee di finanziamento pubbliche o private più adeguate alle caratteristiche organizzative, economiche e vocazionali degli enti del terzo settore operanti in ambito socio-educativo; scrivere richieste di finanziamento coerenti con le logiche dei differenti formulari predisposti dagli enti erogatori; monitorare gestire e valutare lo svolgimento di un progetto socio educativo finanziato.

La proposta formativa adotta una metodologia didattica modulare e orientata alla pratica. Il corpo docente si avvale della collaborazione di professionisti ed esperti da anni impegnati nella progettazione finanziata.

Il corso si rivolge a laureate/i in qualunque materia umanistica, studenti di tutti i corsi di laurea magistrale, formatori, coordinatori, educatori, insegnanti, psicologi, assistenti sociali, operatori dei servizi socio-sanitari. Il percorso della durata di 128 ore , corrispondente a 16 CFU, prevede un massimo di 20 partecipanti. Per accedere ai colloqui di selezione, i candidati italiani e stranieri con titolo di studio conseguito in Italia devono presentare la domanda di ammissione telematica seguendo le indicazioni contenute nel bando consultabile sul sito dell'Università Milano Bicocca. Per ulteriori informazioni sui contenuti dell'opportunità formativa, è possibile visitare il sito internet del corso oppure scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 3404753280.

Corso di Formazione su Bandi e raccolta fondi a Lecco con il SoLeVol

So.Le.Vol. organizza a Lecco per l’autunno 2016 un ciclo di formazione sul tema dei bandi e della raccolta fondi, proponendo quattro appuntamenti sull’approccio strategico al reperimento fondi per la propria organizzazione. La formazione si svolgerà con la collaborazione di Centrale Etica e Tandem Progetti. La partecipazione al corso è gratuita previa iscrizione.
15 ottobre 2016
PER UN PUGNO DI DOLLARI
ABC della progettazione efficace: tecniche e metodo
 
22 ottobre 2016
PER QUALCHE DOLLARO IN PIÙ
Iniziare con il piede giusto: l’approccio corretto alla raccolta fondi
 
5 novembre 2016
IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO
Crowdfunding: entusiasmo e frustrazione
 
12 novembre 2016
Organizzare eventi per la raccolta fondi
C’ERA UNA VOLTA IL WEST
 
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Tel 0341 350680

Online gli elenchi delle ONLUS iscritte all’Anagrafe Unica

Pubblicato per la prima volta sul sito della Agenzia delle Entrate l’elenco delle ONLUS di Opzione aggiornato al mese di luglio 2016. Il numero complessivo degli enti è 21.702. Gli elenchi sono consultabili per regione. Gli elenchi delle ONLUS - Organizzazioni non lucrative di utilità sociale - riguardano la denominazione, il codice fiscale, la sede legale e il settore di attività. Non sono comprese le cosiddette “Onlus di diritto”, in quanto soggetti iscritti nei rispettivi albi o registri (Albo delle società cooperative, Registri delle organizzazioni di volontariato). "La diffusione di queste informazioni - fa sapere l'Agenzia in una nota - risponde all’esigenza di individuare agevolmente gli effettivi soggetti che rivestono la qualifica di ONLUS cui destinare erogazioni liberali o attività volontarie. Ciò garantisce una maggiore sicurezza, consentendo ai cittadini di destinare le proprie risorse verso gli enti per i quali è avvenuto il riconoscimento di ONLUS da parte dell’Agenzia delle Entrate". Link

Chi è online

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online