http://
csvmb.org
csvmb.org
csvmb.org

Nuovo sito CSV Monza e Brianza

Da fine luglio il sito di CSV Monza e Brianza cambierà pelle, ma niente paura: siamo sempre noi! Il nuovo sito continuerà a informarvi con tutti gli aggiornamenti e le iniziative dal mondo del volontariato, con una finestra aperta verso l'intero sistema di Centri di Servizio per il Volontariato della Lombardia. La nostra nuova "casa digitale" infatti è stata costruita secondo una logica che rispecchia la nuova organizzazione regionale e con grafiche completamente rinnovate. Visita il nuovo sito, crescerà un po' alla volta...

Corso di perfezionamento sulla progettazione sociale

Il Centro di Servizio per il Volontariato di Monza e Brianza, l’Università degli Studi di Milano Bicocca, ed il Centro Studi Riccardo Massa organizzano la quarta edizione del corso di perfezionamento post laurea rivolto a tutti i professionisti e gli studenti impegnati in ambito sociale ed educativo che vogliano acquisire le competenze necessarie per scrivere progetti finanziabili.  Il corso si propone di formare figure professionali capaci di muoversi nel mondo dei bandi di finanziamento pubblici e privati con un set di abilità e competenze che consenta loro di: 

- selezionare le linee di finanziamento più adeguate alle caratteristiche organizzative, economiche e vocazionali degli enti del Terzo Settore operanti in ambito socio-educativo; 

- elaborare progettualità coerenti con i bandi di finanziamento insieme ai referenti politici ed amministrativi delle organizzazioni

- scrivere documenti progettuali chiari, sintetici e  coerenti con le logiche e le richieste degli enti finanziatori, rispettando vincoli e scadenze

- predisporre strumenti di monitoraggio e valutazione delle attività progettuali efficaci ai fini di una corretta rendicontazione sociale ed economica

per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito del corso di perfezionamento: http://bit.ly/2thZwbf

 

Scheda mantenimento requisiti Regione Lombardia: dal 21 al 28 luglio la compilazione per le “incomplete”

C’è ancora tempo per terminare la compilazione delle Schede di Mantenimento Requisiti per l’iscrizione ai Registri:

Regione Lombardia ha comunicato che dal 21 al 28 luglio 2017 compresi sarà possibile compilare la “Scheda mantenimento requisiti di iscrizione nei Registri del III Settore – anno 2016” per tutte quelle associazioni che hanno iniziato ma non terminato la compilazione.

Sono escluse da tale finestra le organizzazioni che non hanno effettuato l’accesso entro il 30 giugno.

La Riforma del Terzo Settore è legge: disponibili i testi dei decreti approvati

In attesa di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, lo scorso 28 giugno il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva i Decreti Legislativi su Codice del Terzo Settore, Impresa Sociale e 5XMille, che completano la Riforma del Terzo Settore.
I testi sono ora al vaglio del Dipartimento Affari Giuridici e Legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le verifiche formali, ma sono già disponibili per la consultazione; i decreti andranno poi alla firma del Presidente della Repubblica e quindi alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Una riforma importante che riguarda più di 300.000 organizzazioni associative, cooperative e di volontariato e che coinvolge più di 6 milioni di cittadini che dedicano tempo all’impegno volontario.

Qui di seguito le principali novità e i testi completi dei decreti in formato scaricabile. 

Codice del Terzo settore
Per la prima volta si definisce per legge cosa è terzo settore, uscendo dalle formula sociologiche e indicando chiaramente nella legge e nei decreti quali enti e soggetti lo compongono. Il nuovo Codice riordina tutta la normativa riguardante gli enti del Terzo settore, che  saranno iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settoreun unico punto di riferimento, monitorato e gestito dalle Regioni ma su un’unica piattaforma nazionale che farà capo al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. L’iscrizione al registro sarà vincolante per accedere ai benefici previsti dalla Legge e il Codice prevede diverse misure di promozione e sostegno per gli enti iscritti, oltre che  attività di monitoraggio, di vigilanza e di controllo. La nuova normativa mette a disposizione del Terzo Settore risorse pari a 190 milioni che saranno investite in nuovi incentivi fiscali, nella nascita di un Fondo progetti innovativi, nello sviluppo del Social bonus, nel lancio dei Titoli di solidarietà, oltreché in un incremento della dotazione del Fondo per il Servizio civile in modo da accrescere, anche per il 2018, i posti disponibili per i giovani che lo vogliono fare.

Scarica il testo del decreto

Impresa Sociale
Si definiscono ‘impresa sociale’ “tutti gli enti privati, inclusi quelli costituiti in forma societaria, che esercitano in via stabile e principale un’attività d’impresa di interesse generale, senza scopo di lucro e per finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, adottando modalità di gestione responsabili e trasparenti e favorendo il più ampio coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle loro attività”. Il decreto amplia i campi di attività delle imprese sociali, allargandole a settori come il commercio equo, l’alloggio sociale, il microcredito, l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e l’agricoltura sociale. Una novità significativa è la possibilità di partecipare a queste organizzazioni sia per i soggetti del terzo settore che per i soggetti profit, imprese o amministrazioni pubbliche, seppure in forma limitata e senza svolgere funzioni di controllo, nonché la possibilità, seppur parziale, di redistribuzione degli utili. La Legge prevede anche una misura di incentivo agli investimenti simile a quella delle start up innovative: chi investe in queste imprese potrà riavere - tramite deduzione o detrazione - il 30% delle risorse investite. 

Scarica il testo del decreto


5XMille 
Rispetto alla disciplina precedente, le nuove norme allargano la platea dei destinatari del beneficio, estendendola a tutti gli enti del Terzo settore iscritti nel Registro unico nazionale. Rimangono inalterati i restanti settori di destinazione del beneficio: il finanziamento della ricerca scientifica e dell’università; il finanziamento della ricerca sanitaria; il sostegno delle attività sociali svolte dal comune di residenza del contribuente; il sostegno delle associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute ai fini sportivi dal Comitato olimpico nazionale italiano, che svolgono una rilevante attività di interesse sociale; la tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. La Riforma propone un meccanismo di erogazione più veloce e strumenti di trasparenza che rendano conto ai cittadini di come gli enti impiegheranno queste risorse.

Scarica il testo del decreto

PIANO EMERGENZA CALDO 2017

Come da consuetudine, anche quest’anno l’ATS Brianza, in base alla nota di Regione Lombardia avente per oggetto“ Indicazioni per la gestione di emergenze in caso di elevate temperature ambientali - anno 2017”, ha predisposto un piano di interventi per alleviare le problematiche legate al periodo estivo nei soggetti fragili.
Gli obiettivi principali sono quelli di ridurre le emergenze estive dovute alle elevate temperature e alle situazioni di solitudine anche temporanea e di attivare interventi di assistenza a favore di persone anziane a rischio, favorendo delle azioni di prevenzione e messa in rete di tutti gli attori coinvolti.
La campagna “Emergenza Caldo” promossa dall’Agenzia di Tutela della Salute, che ha avuto inizio il 15 giugno e terminerà il 15 settembre, è da considerarsi nel più ampio contesto di intervento sulla fragilità, come la naturale prosecuzione delle varie iniziative intraprese ad oggi, pertanto, sulla scorta di quanto realizzato gli anni scorsi e in attuazione alla Legge 23/2015, verrà rafforzato il raccordo e l’integrazione con gli attori territoriali (Uffici di Piano, ASST, Terzo Settore) per la realizzazione di interventi anche a valenza locale in funzione delle opportunità e delle possibilità che il territorio, variamente rappresentato può mettere a disposizione nell’ottica della sussidiarietà orizzontale.


 Il sistema di previsione allarme delle condizioni climatiche
Come negli anni scorsi, ARPA Lombardia (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente) trasmette giornalmente i bollettini meteo con le previsioni climatiche per i tre giorni successivi e che l’ATS provvede a pubblicare sul sito www.ats-brianza.it.
Ciascuno dei tre giorni considerati da ogni bollettino è qualificato con uno dei cinque livelli crescenti di disagio, da considerarsi medi e teorici, poiché nella percezione del calore intervengono variabili fisiche individuali e ambientali e per i quali sono indicati in senso generale azioni da porre in atto in ottica preventiva generale:
1. Normalità: nessun disagio.
2. Disagio debole: è possibile una sensazione di affaticamento a seguito di prolungata esposizione al sole e/o attività fisica.
3. Disagio moderato: prudenza, è consigliabile limitare le attività fisiche più pesanti svolte all’aperto.
4. Disagio forte: forte sensazione di malessere, pericolo, occorre evitare le attività fisiche in luoghi non climatizzati.
5. Disagio molto forte: pericolo grave, è fortemente consigliato interrompere le attività fisiche in luoghi non climatizzati.

 Informazione e comunicazione
Sul sito www.ats-brianza.it è pubblicato l’opuscolo “Solo il bello del caldo”.
L’opuscolo raccoglie una serie di consigli pratici per affrontare questa emergenza e i rischi che ne derivano. Questi consigli, validi per tutti, sono rivolti in particolare alle persone della terza età e fragili, che per la loro condizione fisica possono essere più esposti ai disturbi provocati dalle temperature eccessive. Un pericolo che può accrescersi se queste persone vivono da sole.
Le 10 regole d’oro per affrontare il caldo estivo, valide per tutti, ma in particolare per anziani e disabili, sono le seguenti:
1. Ricordarsi di bere frequentemente.
2. Evitare di uscire e svolgere attività fisica dalle 11 alle 17.
3. Aprire le finestre al mattino e abbassare le tapparelle.
4. Rinfrescare l’ambiente in cui si soggiorna.
5. Coprirsi adeguatamente quando si passa da un ambiente molto caldo ad uno con aria condizionata.
6. All’esterno proteggersi con cappellino e occhiali scuri; in auto usare climatizzatore.
7. Indossare indumenti chiari, non aderenti e di fibre naturali come il cotone; evitare fibre sintetiche.
8. Bagnarsi subito in caso di mal di testa per colpo di sole o calore.
9. Consultare preventivamente il medico se si soffre di pressione alta.
10. Non assumere integratori salini senza consultare il medico.


Molto importante è anche mantenere un’alimentazione adeguata: evitare fritto, piccante, insaccati, bevande ghiacciate e alcool; prediligere acqua o tè, consumare pasti leggeri ma frequenti, assumere frutta, verdura e rinfrescarsi con gelato alla frutta.


All’interno della campagna di informazione, sono riportati i numeri verdi:
- Call Center AUSER Filo d’Argento: numero verde: 800.995.988. Contattabile da numero fisso e da cellulare 24 ore su 24 di tutti i giorni. Il numero verde fornisce ascolto del bisogno e informazioni per meglio affrontare il periodo estivo.
- Anteas Brianza: 800.687.811 (territorio Provincia Monza e Brianza) contattabile da telefono fisso e da cellulare dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 17.30; 800.987.761 (territorio Provincia di Lecco) o 0341-1880777 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00. Il numero verde fornisce ascolto del bisogno e informazioni per meglio affrontare il periodo estivo.
- Call Center ATS Brianza: 840.000.117 contattabile da telefono fisso, 039.2369369 contattabile da telefono cellulare, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 17.30.
- Pronto Farm@cia: 800 801 185 (territorio Provincia Monza e Brianza) - disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Telefonando sarà possibile conoscere la farmacia aperta più vicina all’utente richiedente l’informazione e il percorso più breve per raggiungerla.
- Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) per il territorio ex ASL MB
- 840 500 092 è disponibile dalle ore 20.00 alle ore 8.00 del giorno dopo nei giorni dal lunedì al venerdì e dalle ore 8.00 alle ore 8.00 del giorno dopo nei giorni prefestivi e festivi
- Call Center Regione Lombardia: (chiamare da numero fisso e da cellulare): 800.318.318 : informa sulle strutture sanitarie ambulatoriali presenti sul territorio regionale in caso di richiesta di prestazioni ambulatoriali.


 Indicazioni per la collaborazione con il volontariato
La campagna “Emergenza Caldo” si presenta come occasione per programmare una collaborazione integrata e duratura nel tempo tra le varie associazioni di volontariato, risorse da privilegiare in quanto garanti di interventi di sostegno e servizi programmati in collaborazione con la rete territoriale a livello di ambito distrettuale locale.

Attachments:
FileFile size
Download this file (volantino ok.pdf)volantino ok.pdf343 kB

Chi è online

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online